Contenuto principale

Messaggio di avviso

maria montessori"Il bambino è padre dell’umanità e della civilizzazione, è il nostro maestro anche nei riguardi della sua educazione"
Maria Montessori

sfilata carnevalePur essendo Carnevale, gli alunni della scuola primaria del plesso "Angeli della città" e della secondaria di primo grado del plesso di "Monte Ruggero" (facenti parte dell'IC "Maria Montessori" di Roma) non hanno mica scherzato.

Il giorno 13 febbraio, dalle ore 10, le vie del quartiere Tufello si sono animate e colorate. I bambini e le bambine della scuola primaria, con i loro docenti, hanno indossato maschere e costumi sul tema della frutta nelle quattro stagioni. I ragazzi della secondaria hanno guidato il corteo, con maschere varie e striscioni.

 È la seconda edizione della sfilata; dopo il successo della prima, tenutasi nel 2017 sul tema dei giochi, si è voluto continuare a dare valore al quartiere e alla pratica didattica che si innesta sul progetto nazionale "Frutta e verdure" nelle scuole, a cui l'istituto ha aderito. Le classi, a gruppi, hanno prodotto dei manufatti rispettando il tema assegnato (ad ogni gruppo i frutti di una stagione) e utilizzando materiali di riciclo diversi, mettendo in campo inventiva, senso pratico e spirito d'iniziativa.

L’ esperienza è servita anche a riflettere sulle proprietà dei frutti e sull'importanza dell'alimentazione sana e corretta.

Quest'anno il successo è stato ancora più evidente. I genitori hanno seguito il corteo e incoraggiato i loro figli “variopinti” e “succosi” e durante tragitto i passanti hanno rivolto gesti di consenso e sorrisi ad alunni e docenti.

Il momento culminante della passeggiata è stato il giro nel mercato coperto di piazza Euganei, dove i commercianti hanno accolto con entusiasmo bambini e ragazzi e i frutti veri e commestibili si sono mescolati a quelli umani. Nella piazza antistante al mercato tutti i partecipanti hanno avuto modo di riposarsi e di immortalare i momenti di euforia e di condivisione. 

I “costumi” andranno ad abbellire il corridoio che conduce alla mensa di “Angeli della città” e la sala dove, mangiando, i bambini potranno ammirare il “frutto” del loro lavoro.

Colmi e carichi di energia, si spera di proseguire la buona tradizione anche nel prossimo anno scolastico, magari estendendo l'iniziativa a tutto l'Istituto e coinvolgendo altri enti del quartiere: un altro tema, un altro giro, un' altra occasione di crescita, insieme.